La decisione della Cina di revocare le restrizioni alla produzione di automobili da parte di case automobilistiche straniere promette enormi opportunità per i servizi di traduzione linguistica

 

È ufficiale. La Cina ha finalmente cancellato le sue regole vecchie di decenni che disciplinano le società automobilistiche internazionali che fanno affari in Cina. Dall’inizio degli anni ’90, le case automobilistiche straniere interessate alla produzione di auto a livello locale in Cina devono formare partnership di joint-venture con le case automobilistiche locali e rinunciare ad almeno il 50% di proprietà. Sebbene molti marchi globali come General Motors, Ford, Toyota, Mercedes Benz e Hyundai facessero proprio questo, molte altre case automobilistiche rimasero alla larga.

 

Negli ultimi 25 anni, il mercato automobilistico interno cinese ha avuto una grande espansione , superando paesi come Germania, Giappone e Stati Uniti, fino a diventare il più grande mercato automobilistico del mondo. Gli accordi di joint venture, sebbene con molti problemi, hanno permesso alle case automobilistiche globali di evitare elevate tasse di importazione sulle auto di fabbricazione straniera e di aumentare significativamente le entrate con l’aumento del mercato automobilistico cinese. Ad esempio, sia GM che BMW vendono più auto e generano più entrate in Cina di quanto non facciano nei rispettivi mercati nazionali.

Ci sono molte ragioni per cui le case automobilistiche globali vogliono produrre automobili in Cina. Oltre ad evitare tariffe di importazione elevate, la collaborazione con partner locali consente anche a Volkswagen e GM di sfruttare il know-how del mercato locale dei loro partner cinesi e le ampie reti di vendita in tutta la Cina per aumentare rapidamente la loro quota di mercato. D’altra parte, la Cina gode di un pool di manodopera ampio e altamente competitivo, che fornisce i lavoratori e il capitale umano tanto necessari, consentendo alle fabbriche di automobili di produrre veicoli su larga scala. Inoltre, l’ecosistema di approvvigionamento manifatturiero ampio e altamente maturo della Cina lo rende ideale per i produttori stranieri che si riforniscono a livello locale di parti e servizi con maggiore efficienza. Infine, producendo automobili localmente in Cina

Nonostante i molti successi delle strutture di joint venture cinesi e di ampie case automobilistiche, la nuova generazione di case automobilistiche elettriche come Tesla, non vuole condividere profitti e, in alcuni casi, competenze tecniche con le case automobilistiche cinesi. Lo stesso vale per molti dei produttori internazionali di ricambi auto e apparecchiature di prova. Questo è il motivo per cui la decisione della Cina di revocare le restrizioni della joint venture avrà importanti implicazioni per i produttori di automobili globali in Nord America, Asia ed Europa. In un momento in cui l’economia mondiale sta attraversando alcuni gravi venti contrari contro la globalizzazione e il libero scambio internazionale, la decisione cinese di aprire il suo mercato automobilistico servirà a invertire la tendenza, mentre le aziende internazionali si affrettano a trarre vantaggio dal più grande mercato automobilistico del mondo.

 

L’aumento del commercio globale di prodotti automobilistici genererà senza dubbio una maggiore domanda di servizi di traduzione linguistica. Le societa’ di traduzioni  avranno quindi un enorme vantaggio poiché le aziende richiederanno  che i loro siti Web e manuali dei prodotti siano tradotti con qualità professionale sempre maggiore .